09 Lug

BORGO CORIDORI NEL PARCO E PREVENZIONE ANTISISMICA

Posted by Immobiliare Ciurriero

 

 

L'entrata in vigore delle Norme Tecniche per le Costruzioni (D.M. 14/01/2008), impongono chiaramente al progettista la verifica di stabilità degli elementi non strutturali, inclusi gli edifici realizzati in zone a bassissima sismicità (Zona 4).


La tecnica utilizzata, in conformità al D.M. in questione, per la Residenza Borgo Coridori nel Parco a Paderno Dugnano, trattandosi di rivestimento in mattoni facciavista, è quella dei graffaggi.

Lo scopo dei graffaggi è quello di legare le due parti di muratura a doppio strato, in modo da sviluppare un insieme più stabile e resistente, soprattutto in contrasto all'azione sismica e quella del vento.

Le pareti sottili, in particolare quelle esterne edificate in rivestimento facciavista, hanno una scarsa predisposizione alla resistenza ad azioni che comportano spostamenti fuori dal loro piano (ortogonali o inclinati).

Questo tipo di translazione può essere provocata principalmente dall'azione di un sisma o da quella del vento, ma anche di difetti di appiombo, da deformazioni (causate da variazioni termiche, di umidità o statiche) proprie o di altre parti dell'edificio.

Tradizionalmente quanto erroneamente l'ancoraggio del rivestimento facciavista non è mai stato considerato come un elemento obbligatorio, quanto piuttosto un accorgimento legato alla sensibilità del progettista e regolato all'interno dell'ambito della buona pratica costruttiva dell'impresa.

Il sistema di ancoraggio tramite graffaggi metallici si propone come un efficiente soluzione tecnica alla necessità di realizzare un efficace vincolamento del rivestimento esterno in facciavista alla struttura portante, nel rispetto delle vigenti normative.

 

Back to top